Archivi giornalieri: 16/12/2015

Les Bijoux/I gioielli

Il testo Les Bijoux è stato pubblicato per la prima volta sul giornale Gil Blas il 27 marzo 1883 e, un anno dopo, è stato inserito nella raccolta intitolata Clair de lune. Si tratta di una novella di poche pagine la cui storia si svolge a Parigi. Si compone di cinque parti che svolgono un ruolo fondamentale nella costruzione del suo schema. Nella prima parte Maupassant presenta il tema dell’incontro romantico e di un matrimonio combinato; nella seconda, ci offre l’immagine della donna mascherata; nella terza, scopriamo la verità dopo la morte, verità che il signor Lantin non conosce ancora. Quest’ultima è la parte più importante della novella: presenta la caduta dell’immagine ideale della donna. Infine, nelle ultime due parti, l’autore tratta della fortuna del protagonista e dell’eterna ricerca di una felicità introvabile. La donna rimane fino all’ultimo misteriosa, il suo nome non compare mai. L’autore fa riferimento alla protagonista utilizzando il termine “giovane ragazza” o semplicemente il pronome personale “ella”. Maupassant prende le distanze dalla storia limitandosi a raccontarla senza mai lasciarsi coinvolgere.

Anagrafica di traduzione_Les Bijoux

Frontespizio della raccolta "Clair de Lune" nella sua prima edizione del 1884.
Frontespizio della raccolta “Clair de Lune” nella sua prima edizione del 1884.

(a cura di Martina Garcea)

Assia Djebar, Les enfants du nouveau monde

a cura di Marta Ingrosso

Assia Djebar scrive Les enfants du nouveau monde nel 1960, in Marocco. La prerogativa di quest’opera è la combinazione quasi alchemica tra la narrazione icastica e potentissima che la contraddistingue e l’incredibile forza del messaggio che sprigiona. Il vero protagonista del romanzo è il popolo algerino, in tutte le sue espressioni, con i suoi “modelli” di donna e con le figure quasi evanescenti degli uomini, divisi tra sfera pubblica e sfera privata. Si tratta di un incrocio di vite elegantemente orchestrato o, per usare le parole della Djebar, “une sorte de ballet autour d’un même lieu au cœur d’une même ville”. Continua la lettura di Assia Djebar, Les enfants du nouveau monde