Archivi giornalieri: 10/12/2015

Hérodias/Erodiade

Comparsa per la prima volta nella rivista Le Moniteur Universel dal 21 al 27 aprile del 1877, la novella Hérodias (Erodiade) fa parte della raccolta Trois Contes (Tre Racconti) di Gustave Flaubert. I Tre Racconti furono pubblicati dopo una “lunga gestazione”: infatti, l’autore li scrisse tra il settembre del 1875 e il febbraio del 1877, ma aveva sviluppato l’idea del secondo già nel 1846. L’ordine di pubblicazione dei racconti, inoltre, non corrisponde a quello della loro composizione: per esempio, la seconda, La Légende de Saint-Julien l’Hospitalier (La Leggenda di San Giuliano l’Ospitaliere), fu la prima a essere concepita (1846) e comparve in feuilleton nella rivista Le Bien Public tra il 19 e il 22 aprile del 1877.

Il soggetto di Erodiade non era una novità. Nel 1876, Flaubert visitò la mostra di Gustave Moreau dove poté ammirare la Salomé dansant devant Hérode e L’Apparition. Inoltre, aveva di certo letto Rome au siècle d’Auguste di Dezobry e la Vie de Jésus di Renan, da cui trasse delle informazioni per costruire i personaggi di Erode ed Erodiade.

L’anagrafica qui di seguito riporta le prime due pubblicazioni in lingua francese e le successive traduzioni italiane dal 1880 al 2014.

(a cura di Mariateresa Sala)

Hérodias

Salomé dansant devant Hérode
di Gustave Moreau

Les Cenci/I Cenci

Les Cenci sono una delle così dette «historiettes romaines» “rispolverate” da Stendhal durante il suo viaggio in Italia. Tradotta e pubblicata anonimamente per la prima volta sulla Revue des Deux Mondes (1837) – e successivamente entrata a far parte della raccolta postuma Chroniques Italiennes – Les Cenci è in realtà un verbale processuale del Cinquecento, in forma breve, che racconta la tragica storia della famiglia Cenci, e di Beatrice, in particolare, condannata a morte a soli sedici anni per parricidio.

L’anagrafica qui di seguito riporta le prime due pubblicazioni in lingua francese e le successive traduzioni italiane dal 1944 al 1998.

Anagrafica delle traduzioni_Les Cenci/I Cenci

Scuola bolognese, XVII sec. (Elisabetta Sirani?), "Presunto ritratto di Beatrice Cenci", attribuito a Guido Reni, olio su tela, Roma, Galleria Nazionale d'Arte Antica, palazzo Barberini, Roma.
Scuola bolognese, XVII sec. (Elisabetta Sirani?), “Presunto ritratto di Beatrice Cenci”, attribuito a Guido Reni, olio su tela, Roma, Galleria Nazionale d’Arte Antica, palazzo Barberini, Roma.