Archivi categoria: Diario di bordo

Questo spazio del blog è strettamente legato all’attività del “Laboratorio di traduzione” dell’insegnamento di Lingua francese 2 del corso di laurea magistrale in Linguistica e Traduzione.
Per l’anno accademico 2017-2018 gli incontri del laboratorio avranno cadenza settimanale. Con gli studenti del corso cercheremo di aggiornare settimanalmente il blog raccontando le nostre attività e condividendo spunti per la riflessione.

Exercices de style: appunti

diario di bordo 2017-2018

a cura di Tiziano Lavorini

Pubblicato da Gallimard nel 1947 e uscito per Einaudi nel 1983 con la traduzione di Umberto Eco, Exercices de style di Raymond Queneau propone 99 variazioni sul tema, 99 modi diversi di narrare una vicenda banale. La storia è questa: in un’ora di punta, un giovane alquanto stravagante sale su un autobus affollato. Questi prima accusa un vicino di spintonarlo e di pestargli i piedi e poi, appena si libera un posto, corre a sedersi, senza dire né ai né bai. Due ore dopo, lo stesso giovane si trova davanti alla Gare Saint-Lazare e discute con un suo amico che gli consiglia di aggiungere un bottone al soprabito.

“Poiché infine Queneau non procede in modo meccanico, ma tiene un occhio, per così dire, anche alle esigenze dell’orecchio, il traduttore è abbastanza libero di fare qualche aggiustamento e di permettersi qualche malizia”, si legge nell’Introduzione scritta da Eco. E infatti, la sua traduzione non è per così dire sinonimica, non trasporta il testo A verso un testo B scegliendo traducenti letterali o sinonimi. Piuttosto, fa viaggiare l’intenzione stilistica di un testo scritto in francese in un testo scritto in italiano che preservi tale intenzione.

Pur riconoscendo l’indiscussa maestria dell’operazione compiuta da Eco, nel primo incontro del nostro laboratorio di traduzione ci siamo soffermati e interrogati su alcune differenze lessicali che appaiono tra il testo francese Moi je, e quello italiano Me guarda.

Il testo francese è ricco di espressioni appartenenti al francese colloquiale e familiare, tra le quali:

– due espressioni con il verbo foutre (volgare secondo il TLF ma più per il suo significato originario di faire l’amour, popolare secondo Larousse e familiare secondo Le Petit Robert): foutre en rogne che significa mettre en colère e foutre une baffe che significa donner une gifle, essendo rogne baffe due termini popolari;

– il verbo gueuler (popolare) che significa crier, protester bruyamment;

– la variante pinglot per pied: pinglot è un termine «argotique», che secondo Le Petit dictionnaire du français familier di Claude Duneton «a représenté une variante de pinceaux, hors d’usage aujourd’hui».

Eco rispetta questi registri e il campo lessicale è equivalente:

– fare girare i cosiddetti / rifilare una sberla, con i pronomi me e ci (Uno che mi marciava sulle unghie, me ci rifilavo una sberla che vedeva).

Secondo Luca Serianni l’uso di me al posto di mi come pronome dativo etico esprime un interessamento affettivo nei confronti dell’interlocutore, mentre per Michele Cortelazzo l’utilizzo di ci complemento di termine al posto di gli è presente in tutt’Italia, ma limitato al livello linguistico più popolare.

Più interessante è la differenza lessicale apparente tra péteux e cottolengo:

– Mais avoir protesté aller s’asseoir comme un péteux, moi, je comprends pas ça.

– Ma se dopo aver protestato va poi a sedersi come un cottolengo, me guarda questo non mi va giù.

L’aggettivo péteux, a differenza di quanto si legge sul TLF che cita proprio l’esempio di Queneau, non ha soltanto il senso di pauroso, vergognoso, pusillanime, fifone. Infatti, può indicare anche una persona insignificante e pretenziosa, come riportano sia Le Petit Robert sia il Dictionnaire du français argotique et populaire di François Caradec e Jean-Bernard Pouy. Il TLF si limita a dire che il senso di pedante, pretenzioso, borioso è in uso principalmente in Canada. Péteux deriva dal verbo péter, che è possibile trovare in espressioni quali péter plus haut que son derrière/que son cul o in altre oggi forse più correnti come se la péter che significa darsi delle arie, credersi chissà chi. In altri testi, Queneau dipinge i personaggi con termini come foutriquet (persona gracile, piccola, insignificante) o morveux (persona boriosa e piena di sé nonostante la giovane età). Ed è a questo senso di piccolo pretenzioso, pieno di sé che può avvicinarsi cottolengo, il termine scelto da Eco.

Sulla Treccani alla voce cottolengo si legge “dal nome di s. G. B. Cottolengo (1786-1842), fondatore a Torino della Piccola casa della divina Provvidenza (detta poi anche Ospedale Cottolengo). 1.Fam. Per antonomasia, istituto per disabili fisici e mentali. 2.scherz. Ambiente con persone di scarsa vivacità intellettuale”.

Un cottolengo avrebbe quindi nel teso di Eco il senso di stolto, deficiente, scemo, sciocco, stupido, cretino

Sono tutte accezioni che si ritrovano nel termine cretinetti usato nello stesso testo: Quella specie di treccia da cretinetti.

Definizione della Treccani:

cretinétti s. m. [dal nome del protagonista di alcuni film muti interpretati dal comico francese André Deed], fam. – Nome del protagonista di alcuni film muti, rappresentante un tipo sempliciotto e ridicolo che commette ogni sorta di sciocchezze; frequente in usi antonomastici (e come attenuazione eufemistica di cretino) nel linguaggio fam. scherz.: non fare il c.; sei un c., un vero cretinetti.

Sul sito del Dizionario Italiano De Mauro si trova:

  1. Istituto per handicappati fisici e mentali in gravi condizioni 2. iron., ster., ambiente in cui si trovano persone scarsamente perspicaci e sagaci 3. RE piem., ster., scemo, stupido.

Volendo oggi ritradurre l’opera di Queneau, useremmo cottolengo? La risposta che ci siamo dati è “no” perché a differenza degli altri termini marcati regionalmente, questo, usato soprattutto in Piemonte, manca di trasparenza per il lettore italiano (piccola nota en passant: una ragazza marchigiana del nostro corso ci ha detto che da lei è in uso il termine cottolengo per riferirsi a un sempliciotto, a una persona poco sveglia) e oltretutto non ci sembra sia quello che Queneau abbia espresso nel testo francese. I traducenti più consoni ci sono sembrati cacasotto o cacone, marcati come espressioni informali senza connotazioni regionali. La scelta di cacone, epiteto usato per una persona sia paurosa sia boriosa e superba, ci è piaciuta particolarmente perché fa l’occhiolino all’etimologia di péteux: “allusion au flux intestinal que peut déclencher la peur” (TLF).

Chez Albiana: un incontro in casa editrice

diario di bordo 2017-2018

a cura di Sara Frasconi, Tiziano Lavorini, Chiara Mazzotti

Tappa fondamentale del nostro viaggio in Corsica è stata la visita alla casa editrice Albiana, che si è tenuta mercoledì 14 marzo. È il nostro terzo giorno sull’isola ma non sappiamo ancora molto sui corsi e la loro storia, o almeno questa è la sensazione che avevamo prima dell’incontro con gli editori, un vero tuffo nell’identità corsa. Veniamo accolti nel cuore della maison d’édition da Bernard Biancarelli e Guy Firroloni. Cuore e non solamente sede perché quella di Albiana è una vera famiglia e noi veniamo trattati come se fossimo dei parenti lontani, di quelli che non vedi mai ma a cui tieni molto. Il tempo si ferma e gli impegni possono aspettare. Tutti si dedicano a noi e cominciano a raccontarci la storia di Albiana.

Les Éditions Albiana e la questione della lingua

La casa editrice Albiana ha visto la luce nel 1983 grazie agli sforzi di Guy, che, chiacchierando con noi durante la nostra visita ad Ajaccio, si autodefinisce un “éditeur militant”. Il lancio sul mercato del Dizziunariu corsu-francese in 4 volumi fu un vero e proprio successo, le vendite furono buonissime fin dal primo giorno. La linea editoriale della casa editrice Albiana, il cui catalogo consta di oltre 300 pubblicazioni, si propone di uscire dallo stato mentale della Corsitude, abbracciando l’idea che esista una letteratura universale e che i libri siano ponti tra i paesi. Preservare la lingua corsa non è semplicemente una questione legata al folklore, all’identità etnica o alla nostalgia; anzi, per Guy si tratta di conservare la lingua della socializzazione primaria, la lingua degli affetti, costitutiva della personalità dei corsi. Privarsene sarebbe una perdita, sia sociale sia personale. La pubblicazione diventa anche un atto politico, come dimostra la Anthologie de la littérature corse: si parla di letteratura corsa proprio perché questa esiste, e vuole farsi sentire in prima persona, con il proprio linguaggio e le proprie sonorità. 

Il riacquistu e l’identità corsa

Durante la nostra visita, gli editori Guy e Bernard ci hanno riassunto brevemente il contesto culturale dell’isola. A partire dagli anni Settanta del secolo scorso, la Corsica ha sentito la necessità di liberarsi dalla visione di “paese colonizzato” (tant’è che il turista francese andava sul suolo corso per vedere il selvaggio autoctono, come se si trattasse di uno spettacolo circense), intraprendendo un’operazione di militanza culturale che va sotto il nome di riacquistu. Prima di allora i libri si facevano in Francia, oppure a spese dell’autore da uno stampatore libraio. È qui che entrano in scena le case editrici, inserendosi in questa profonda lacuna editoriale. Gli obiettivi che si pongono sono due: creare libri per colmare i vuoti, e diffondere la lingua e la cultura corsa. Iniziano a uscire pubblicazioni di ogni genere, dal momento che il mercato era del tutto assente, e si fanno sperimentazioni, rispondendo alle esigenze di un pubblico variegato composto dagli stessi corsi, dai corsi che abitano all’estero e dai turisti che sbarcano nei mesi estivi.

 La tutela della bibliodiversità

Il libro è un oggetto concreto, duro, testimonia e solidifica l’esistenza di una realtà, pertanto Guy sostiene a spada tratta l’idea che la bibliodiversità debba essere un patrimonio da tutelare. Il nostro incontro si è concluso citando il motto della casa editrice, racchiuso nelle parole dello scrittore Christian Laborde: “Ne plus seulement être un éditeur d’ici, mais être ici un éditeur”.

Sito di Albiana: https://www.albiana.fr/

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/editions.albiana/

 

Alla Corte di Corsica

diario di bordo 2017-2018

a cura di Silvia Marcozzi, Raffaella Mazzarella, Simona Nebbiai, Ilaria Sansone

 

Un progetto pilota, più volte definito vera e propria “missione”, è stato quello che ha portato un gruppo di noi ragazzi del Laboratorio di Traduzione dal francese a imbarcarci (letteralmente a bordo di un traghetto) per raggiungere l’Università di Corsica Pasquale Paoli, con sede a Corte, dal 12 al 16 marzo 2018.

Obiettivo della missione: la realizzazione di un atelier di traduzione italiano/francese dans les deux sens, attraverso una serie di incontri da svolgersi all’insegna dello scambio di idee, e soprattutto di parole, con gli studenti dell’Università corsa, guidati dai loro docenti e dai nostri “capitani della spedizione”, la Professoressa Barbara Sommovigo e il Professor Jean-Pierre Seghi.

Durante la prima mattinata del laboratorio abbiamo affrontato due testi, uno francese e l’altro italiano, proposti in passato ai candidati del CAPES (concorso per l’abilitazione all’insegnamento in Francia): Une visite nocturne da La robe prétexte: la chair et le sang di François Mauriac e Una visita allo zoo, dal romanzo In alto a sinistra di Erri De Luca. È stato particolarmente interessante rendersi conto del diverso approccio al testo a cui gli studenti del CAPES devono attenersi, dato che per loro l’obiettivo principale del tradurre è dimostrare di possedere un’ottima conoscenza della lingua italiana, con particolare attenzione alla grammatica, piuttosto che cogliere le sfumature derivate da un’interpretazione più profonda del testo letterario.

Successivamente ci siamo dedicati alla traduzione di diversi estratti da Novecento di Alessandro Baricco, questa volta dividendoci in gruppi formati da studenti di entrambe le università. Se da un lato lavorare in condivisione ci è servito a migliorare la resa del testo in francese, dall’altro abbiamo notato una tendenza da parte dei ragazzi corsi a standardizzare la lingua di Baricco, laddove in italiano fossero presenti espressioni appartenenti a un registro più colloquiale.

L’ultimo testo su cui abbiamo lavorato è stato un estratto da L’Amour di Camille Laurens. Un brano particolarmente complesso, sia per la lunghezza dei periodi sia per l’alternanza di voci non sempre distinguibili durante la lettura. Ma al tempo stesso uno stimolo e una sfida per noi aspiranti traduttori, che amiamo stare con le mani in pasta nel testo.

E tornati sulla terra ferma ci rendiamo conto ancora di più di quanto sia stata preziosa questa esperienza. Di quanto sia importante guardare la propria lingua con gli occhi di un altro, poiché il confronto con studenti stranieri ci ha aiutato a cambiare la prospettiva con cui ci approcciamo ai testi, alla cultura veicolata e alla loro traduzione.

 

 

La cassetta degli attrezzi digitali

 

Per il laboratorio 2017-2018

Francesco Cristaudo

 

 

Dizionari monolingue francesi

Dizionari monolingue italiani

Dizionari bilingue

 

Grammatica

Enciclopedie

 

Altri strumenti

Ngram viewer