Tutti gli articoli di Cristina Longo

Informazioni su Cristina Longo

Laureata in Traduzione Letteraria e Saggistica all'Università di Pisa, alterno il mio amore viscerale per il teatro con l'insegnamento del francese.

Nella bottega di Valerio Magrelli: traduzioni, calligrammi, pièces e rime.

Perdo ore e ore per le interiezioni, come rendere plausibile un «Vattene via!». Se ci penso, è un po’ come il lavoro di un accordatore cieco che usa solo l’orecchio: si deve accordare il testo al momento della lingua.

A cura di Cristina Longo

dsc_4785

 

Questa è un’intervista particolare. Tanto particolare da non chiamarla nemmeno intervista, piuttosto una conversazione. Come in un colloquiare fra amici, tempo fa ci siamo accomodati per scambiare aneddoti, esperienze di traduzione, e ascoltare il punto di vista di un “artigiano” altrettanto particolare: Valerio Magrelli. Valerio Magrelli il poeta? Valerio Magrelli, poeta e traduttore e saggista e accademico italiano e (come abbiamo poi appurato noi della redazione) grande estimatore della buona forchetta!
Il 22 febbraio di qualche anno fa, Valerio ci ha aperto l’uscio della sua personalissima bottega, uno spazio variopinto, dai tratti quasi psichedelici, che ci parla dell’arte senza confini spazio-temporali, del rigore metrico italiano, di ritorni al teatro francese, del ritmo martellante ed evocativo della poesia araba, e di come tutto questo converga nel lavoro del traduttore.

Continua la lettura di Nella bottega di Valerio Magrelli: traduzioni, calligrammi, pièces e rime.

Traduzione e/è ricerca: un Manifesto

Non sono poi così lontani i giorni in cui, un po’ come in un campo di battaglia, i cosiddetti «Studi sulla traduzione» (o Translation Studies o Traductologie), hanno scavato le proprie trincee, combattuto e con fatica ottenuto piccole e grandi vittorie per affermarsi come vera e propria inter-disciplina nel mondo accademico. Tuttavia, un Nida, un Chomsky, un Holmes e una Bassnett (per citarne alcuni) non sembrano esser bastati a fugare dubbi e fraintendimenti dall’aria un po’ stantia sulla funzione e il valore della traduzione come «prodotto finito» tra coloro i quali aleggiano intorno alle Lingue Moderne senza esserne parte effettiva.

È un discorso ad ampio spettro, ma che nasce da un’oggettiva indecisione, nonché da una presa di coscienza, tra gli accademici britannici – caratterizzati da un sistema educativo che fa riferimento alle valutazioni un tempo chiamate RAE, ora REF (Research Excellence Framework)[i] – sullo status della traduzione. Ne è risultata la recente stesura di un vero e proprio Manifesto, sottoscritto da numerose associazioni, che in cinque punti fondamentali rivendica il ruolo della traduzione non solo come oggetto di ricerca, ma anche come mezzo e soprattutto come ricerca stessa. Continua la lettura di Traduzione e/è ricerca: un Manifesto

Les Bijoux/I gioielli

Il testo Les Bijoux è stato pubblicato per la prima volta sul giornale Gil Blas il 27 marzo 1883 e, un anno dopo, è stato inserito nella raccolta intitolata Clair de lune. Si tratta di una novella di poche pagine la cui storia si svolge a Parigi. Si compone di cinque parti che svolgono un ruolo fondamentale nella costruzione del suo schema. Nella prima parte Maupassant presenta il tema dell’incontro romantico e di un matrimonio combinato; nella seconda, ci offre l’immagine della donna mascherata; nella terza, scopriamo la verità dopo la morte, verità che il signor Lantin non conosce ancora. Quest’ultima è la parte più importante della novella: presenta la caduta dell’immagine ideale della donna. Infine, nelle ultime due parti, l’autore tratta della fortuna del protagonista e dell’eterna ricerca di una felicità introvabile. La donna rimane fino all’ultimo misteriosa, il suo nome non compare mai. L’autore fa riferimento alla protagonista utilizzando il termine “giovane ragazza” o semplicemente il pronome personale “ella”. Maupassant prende le distanze dalla storia limitandosi a raccontarla senza mai lasciarsi coinvolgere.

Anagrafica di traduzione_Les Bijoux

Frontespizio della raccolta "Clair de Lune" nella sua prima edizione del 1884.
Frontespizio della raccolta “Clair de Lune” nella sua prima edizione del 1884.

(a cura di Martina Garcea)

Les Cenci/I Cenci

Les Cenci sono una delle così dette «historiettes romaines» “rispolverate” da Stendhal durante il suo viaggio in Italia. Tradotta e pubblicata anonimamente per la prima volta sulla Revue des Deux Mondes (1837) – e successivamente entrata a far parte della raccolta postuma Chroniques Italiennes – Les Cenci è in realtà un verbale processuale del Cinquecento, in forma breve, che racconta la tragica storia della famiglia Cenci, e di Beatrice, in particolare, condannata a morte a soli sedici anni per parricidio.

L’anagrafica qui di seguito riporta le prime due pubblicazioni in lingua francese e le successive traduzioni italiane dal 1944 al 1998.

Anagrafica delle traduzioni_Les Cenci/I Cenci

Scuola bolognese, XVII sec. (Elisabetta Sirani?), "Presunto ritratto di Beatrice Cenci", attribuito a Guido Reni, olio su tela, Roma, Galleria Nazionale d'Arte Antica, palazzo Barberini, Roma.
Scuola bolognese, XVII sec. (Elisabetta Sirani?), “Presunto ritratto di Beatrice Cenci”, attribuito a Guido Reni, olio su tela, Roma, Galleria Nazionale d’Arte Antica, palazzo Barberini, Roma.