Assia Djebar, Les enfants du nouveau monde

a cura di Marta Ingrosso

Assia Djebar scrive Les enfants du nouveau monde nel 1960, in Marocco. La prerogativa di quest’opera è la combinazione quasi alchemica tra la narrazione icastica e potentissima che la contraddistingue e l’incredibile forza del messaggio che sprigiona. Il vero protagonista del romanzo è il popolo algerino, in tutte le sue espressioni, con i suoi “modelli” di donna e con le figure quasi evanescenti degli uomini, divisi tra sfera pubblica e sfera privata. Si tratta di un incrocio di vite elegantemente orchestrato o, per usare le parole della Djebar, “une sorte de ballet autour d’un même lieu au cœur d’une même ville”. Rispettando perfettamente le unità di luogo e di tempo, la scrittrice traccia l’architettura del romanzo, lo “mette in scena” in ventiquattrore, nella città di Blida, a sud di Algeri. È qui che si intrecciano le storie dei personaggi, con un occhio di riguardo per quelli femminili (che danno i nomi a cinque dei nove capitoli del libro), per quelle “figlie del nuovo mondo” che sognano, ricordano, riflettono, amano, tremano – e poi agiscono – durante la guerra di Indipendenza algerina. Con questo romanzo, dunque, Assia Djebar dà voce alle donne, attinge alla propria esperienza personale e ai propri ricordi per creare un “portrait de moeurs de l’époque” e per esplorare il rapporto tra le donne e la guerra. La trasmissione della storia e della cultura araba, infatti, è da sempre appannaggio delle donne, che tramandano di generazione in generazione, oralmente e all’interno delle mura domestiche, storie, leggende, avvenimenti storici, favole. Les enfants du nouveau monde si propone di liberare i racconti dai limiti dell’oralità e di farne un romanzo, mettendo in prosa delle piccole, grandi storie di donne, senza per questo rinunciare alla narrazione femminile e passionale tipica delle storie tramandate di madre in figlia. Assia Djebar scrive in francese, che è per lei la lingua della cultura, della scrittura, ma anche dell’intimità, una “lingua rifugio”: questo proietta automaticamente la trasmissione dell’identità algerina verso un pubblico altro, esterno alle mura domestiche, rendendo partecipe l’intera comunità francofona del messaggio. Ne risulta uno stile ricco di immagini e metafore, le cui lunghe descrizioni risuonano di diversi echi, di una musicalità altra, berbera, araba. La sintassi della frase sembra quasi ripiegarsi su se stessa come un drappeggio con incisi più o meno lunghi che interrompono la linearità della narrazione per spiegare, descrivere, divagare su ciò che il lettore deve conoscere: precisazioni che non possono aspettare, digressioni di un pensiero estremamente lucido che sgorgano spontanee, naturali, tra una scena e l’altra del racconto. Si tratta di un romanzo che entra nei meandri della sensibilità delle donne algerine al tempo della guerra di Indipendenza, che esplora i confini tra la sfera pubblica e la sfera privata nella società musulmana, che parla di un risveglio, tardivo, necessario o mai avvenuto, della coscienza sociale femminile in Algeria.

Saggio di traduzione

La porta della cella cigola, viene socchiusa: un uomo. Senza muoversi dalla soglia, mormora: “Ti serve niente?” Salima lo riconosce, si ricorda, non risponde. Fa qualche passo in avanti: “Stai tremando!” Guarda la finestra, tira la catenella, si avvicina al letto: “Tremi ancora, sorella mia?” Il suo arabo è ruvido. Salima apre la bocca per rispondere, ma si rende conto di non avere più voce. Sorride: sembrerà più una smorfia, pensa sentendo il dolore agli angoli della bocca. Ha la gola secca. Non ha sete. L’uomo continua a guardarla. “Hai sete?” Fa segno di no con la testa. Lui non si muove, si guarda intorno. “Non posso portarti la coperta, è giorno… Stasera sono di guardia. Dopo torno!”

È tanto vecchio, pensa Salima. Capelli grigi, barba corta, quasi bianca, spalle curve, pantaloni logori. L’ha visto tre o quattro volte. Non aveva ancora il letto; quante notti aveva passato seduta così tra un interrogatorio e l’altro?

Di quel passato, non le sarebbe rimasta più altra memoria che della realtà atroce della sedia, e dei corridoi, degli uffici vuoti nei quali la facevano passare in piena notte, quando tornava alla sua cella, dove poteva rimanere un giorno intero dimenticata o, a volte, solo il tempo di assopirsi qualche minuto per poi deambulare di nuovo attraverso quello che le sembrava un labirinto, alla fine del quale, per ore intere e in piedi, doveva battersi. La guardia di solito veniva di notte. Le aveva detto come si chiamava la prima volta: “Taleb”. Era entrato come oggi; forse era durante la seconda notte che passava sulla sedia, senza riuscire a dormire, perché non aveva ancora vinto il disagio di dormire in quella posizione.

– Sono una guardia! – aveva detto entrando. Mi chiamo Taleb. Ti porto una coperta. Me la riprendo prima del mattino… Non devono vedermi.

Poi, prima di andarsene, si avvicinava, mormorava con una strana emozione volubile nella voce:

– Oh, sorella mia, sorella mia! – Salima voltava nella sua direzione la testa anchilosata, dicendosi tristemente: “Com’è bella la nostra lingua, così semplicemente lirica anche nella sua banalità!” – Sorella mia, ti ringrazio perché non parli. Non dirgli niente. Tieni duro!

“Tieni duro” Nel dormiveglia, chiudeva gli occhi per cercare di dimenticare tutto, tranne quelle parole. Più volte, in seguito, tornò. Sempre lo stesso lamento prima di uscire, la stessa preghiera. Lo diceva con una passione contenuta; un giorno non poté parlare, singhiozzava, avvicinandosi a lei sempre di più e ripetendo: “Sono una guardia! Mi chiamo Taleb! Sorella mia, oh sorella mia!” e tremava come un orfano.

Una volta, gli aveva chiesto che giorno fosse; non aveva saputo rispondere. Non sapeva leggere. Ma alla visita successiva, le aveva allungato un pezzo di carta sul quale qualcuno, con una scrittura da bambino, aveva scritto: “24 maggio 1956”. Fino alla fine della notte si era immersa in quella parola sorridente, “Maggio… maggio…” e si diceva dolcemente: “Maggio, è primavera dappertutto, là fuori.” Pensava alla fine della scuola, calcolava il tempo che restava; poi subito si imbrogliava, avendo la testa dolorante. Mentre le dava il pezzo di carta, Taleb aveva precisato che era la sua decima notte. Quanti altri giorni erano passati? Non ci prova più. È stanca. È senza voce, non vuole più fare sforzi. Perché situarsi nel tempo, quel fiume nero? Verrà un giorno in cui sarà gettata di nuovo sulla riva. Si riposerà. Sarà la fine. Potrà dormire; dormire.

Taleb si è piegato, ha passato su di lei uno sguardo stravolto.

– Oh sorella mia, sorella mia! … Ti ringrazio. Non hai parlato… Tu…

Salima si intenerisce. Forse è diventato pazzo… Chiude gli occhi. Taleb gira su se stesso; non sa come rendersi utile e allo stesso tempo ha paura di essere sorpreso; è agitato dall’angoscia. Prende tempo. È giorno; oggi è di guardia fino a mezzogiorno. Salima sembra dormire. La benedice a bassa voce. Piange. Va verso la porta, esce.

– Avrei dovuto fare uno sforzo e ringraziarlo! Si dice Salima, le membra intorpidite, la testa pesante. Vorrei tanto dormire! Non dorme. Si ricorda dei garofani, un ricordo chiaro. Li aveva scelti bianchi; per sentimentalismo, lo ammette con vergogna. Bianchi come il vestito che avrebbe portato se si fosse sposata… In quel giorno di sole quando l’avevano arrestata, si era sentita talmente leggera; dalla mattina, dal momento in cui aveva trovato nella cassetta delle lettere la parola “attesa”: “Non dimenticare, compra un mazzo di fiori.”

Nota
Università di Pisa:  Tesi di laurea magistrale in Traduzione Letteraria e Saggistica
ETD banca dati delle tesi e dissertazioni accademiche elettroniche

Titolo: Uno sguardo femminile sul mondo di Assia Djebar: traduzione e analisi di Les enfants du nouveau monde
Tesista: Marta Ingrosso
Relatori: Barbara Sommovigo e Marina Riccucci

Coordinate bibliografiche del testo tradotto:
A. Djebar, Les enfants du nouveau monde, Paris, Juillard, 1962


Informazioni su Mariateresa Sala

Amante delle lingue fin dal liceo, mi sono laureata in “Lingue e Letterature Moderne e Contemporanee” presso l’Università Ca’ Foscari Venezia e in “Traduzione Letteraria e Saggistica” a Pisa. Editor e traduttrice, la mia grande passione è da sempre la traduzione, sia francese che inglese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.