Traducendo Baudelaire_Le reniement de Saint Pierre

Baudelaire continua la rivolta di san Pietro: si tratta di una rivolta non solo contro il Dio-tiranno, ma anche contro la scelta di Gesù di non continuare a lottare per la sua promessa terrestre. […] Baudelaire modifica la visione evangelica del rinnegamento di san Pietro: per lui, l’apostolo non è un vigliacco, ma un uomo deluso.

Le reniement de Saint Pierre Il rinnegamento di San Pietro (trad. di Francesca Fabbri)
Qu’est-ce que Dieu fait donc de ce flot d’anathèmes
Qui monte tous les jours vers ses chers Séraphins?
Comme un tyran gorgé de viande et de vins,
II s’endort au doux bruit de nos affreux blasphèmes.
Che cosa fa dunque Dio di questo fiotto d’anatemi
Che sale ogni giorno verso i suoi cari Serafini?
Come un tiranno rimpinzato di arrosti e di vini,
Si addormenta al dolce brusio delle nostre terribili bestemmie.
Les sanglots des martyrs et des suppliciés
Sont une symphonie enivrante sans doute,
Puisque, malgré le sang que leur volupté coûte,
Les cieux ne s’en sont point encore rassasiés!
I singhiozzi dei martiri e dei torturati
Sono certo un’inebriante sinfonia,
Perché malgrado il sangue che la loro voluttà costa,
I cieli non ne sono ancora affatto sazi!
— Ah! Jésus, souviens-toi du Jardin des Olives!
Dans ta simplicité tu priais à genoux
Celui qui dans son ciel riait au bruit des clous
Que d’ignobles bourreaux plantaient dans tes chairs vives,
– Ah! Gesù, ricordati dell’Orto degli Ulivi!
Nella tua semplicità, tu pregavi in ginocchio
Lui che nel suo cielo rideva al rumore dei chiodi
Che ignobili carnefici ti piantavano nelle carni vive,
Lorsque tu vis cracher sur ta divinité
La crapule du corps de garde et des cuisines,
Et lorsque tu sentis s’enfoncer les épines
Dans ton crâne où vivait l’immense Humanité;
Quando hai visto sputare sulla tua divinità
I mascalzoni del corpo di guardia e di cucine,
E quando hai sentito conficcare le spine
Nel tuo cranio in cui viveva l’immensa Umanità;
Quand de ton corps brisé la pesanteur horrible
Allongeait tes deux bras distendus, que ton sang
Et ta sueur coulaient de ton front pâlissant,
Quand tu fus devant tous posé comme une cible,
Quando dal tuo corpo spezzato la pesantezza orribile
Ti allungava le braccia distese, che il sangue
E il sudore colavano dalla tua pallida fronte,
Quando sei stato posto davanti a tutti come un bersaglio,
Rêvais-tu de ces jours si brillants et si beaux
Où tu vins pour remplir l’éternelle promesse,
Où tu foulais, monté sur une douce ânesse,
Des chemins tout jonchés de fleurs et de rameaux,
Pensavi a quei giorni così belli e lucenti
Quando sei venuto per compiere la promessa eterna,
Quando percorrevi, in groppa a un’asina mite,
Sentieri cosparsi di fiori e ramoscelli,
Où, le coeur tout gonflé d’espoir et de vaillance,
Tu fouettais tous ces vils marchands à tour de bras,
Où tu fus maître enfin? Le remords n’a-t-il pas
Pénétré dans ton flanc plus avant que la lance?
Quando, il cuore gonfio di speranza e di valore,
Frustavi con vigore tutti i vili mercanti,
Quando poi sei diventato maestro? Il rimorso non ti è
Penetrato nel fianco più a fondo della lancia?
— Certes, je sortirai, quant à moi, satisfait
D’un monde où l’action n’est pas la soeur du rêve;
Puissé-je user du glaive et périr par le glaive!
Saint Pierre a renié Jésus… il a bien fait!
– Certo, quanto a me, me ne andrò soddisfatto

Da un mondo in cui l’azione non è sorella del sogno;

Che possa ferir di spada e di spada perire!

San Pietro ha rinnegato Gesù…e ha fatto bene!

Commento alla traduzione (a cura di Francesca Fabbri)

Al contrario di Abel et Caïn e Les Litanies de Satan, ancora inedite nel momento della prima pubblicazione del libro, Le Reniement de saint Pierre è già comparso nel 1852 nella Revue de Paris e ha già rischiato di essere perseguito dalla legge.

La poesia tratta il soggetto biblico del triplo rinnegamento di Cristo da parte del discepolo Pietro, ma Baudelaire sceglie di non citare il celebre passaggio nel quale il discepolo si pente e piange. Qui sembra piuttosto che il rinnegamento riguardi l’intera Chiesa invece che il solo personaggio storico di Pietro. Per questo motivo è necessario cominciare ad analizzare la poesia a partire dal titolo: Le Reniement de saint Pierre. Il titolo è infatti in netto contrasto con le descrizioni dei Vangeli, che indicano colui che ha rinnegato Gesù come Pietro e non san Pietro (infatti nei Vangeli si parla semplicemente del Rinnegamento di Pietro). Da parte della Chiesa viene anche il “flot d’anathèmes qui monte tous les jours” verso Dio e i suoi Serafini. Normalmente gli anatemi vengono promulgati dalla Chiesa per scomunicare uno o un gruppo di fedeli. Qui l’anatema è rovesciato: è promulgato dalla Chiesa verso Dio stesso e rappresenta quindi l’insieme dei rinnegamenti all’interno del mondo cattolico. In risposta a questi anatemi, Dio si addormenta: la sua rappresentazione è quella di un tiranno.

Questa descrizione di Dio come un tiranno continua nelle prime due strofe dove forse possiamo riconoscere la voce del poeta. La terza strofa si apre invece con un trattino che sembra segnalare un cambiamento di narratore: adesso possiamo forse sentire la voce di Pietro, testimone dei fatti raccontati, che si rivolge a Gesù Cristo dandogli del tu. Non ci saranno altri cambiamenti di voce fino all’ultima strofa, dove possiamo notare un altro e ultimo trattino.

Pietro è un discepolo di Gesù Cristo, ma è prima di tutto un uomo. Non riesce a capire la dimensione puramente spirituale di Gesù: lo considera solo un maestro che deve portare avanti il suo compito di spiritualizzazione sulla terra; uomo tra gli uomini. Quindi Pietro non comprende il sacrificio di Cristo e soprattutto non riesce a capire quel sacrificio per un Dio che vede come un tiranno “gorgé de viande et de vins”. È innegabile l’amore di Pietro per Gesù, ma odia comunque quel Dio che permette tutte le sofferenze subite dal figlio e non solo, addirittura ne ride. La rivolta di san Pietro è pienamente evidente in queste strofe. L’apostolo chiede a Gesù come faccia a non avere alcun rimorso dal momento che, secondo lui, ha rinnegato la sua missione sulla terra per i capricci di un Dio tiranno che ride del suo sacrificio e dei dolori di tutto il mondo e che, quindi, giustifica gli oppressori e i violenti che si comportano come lui.

Nel corso dell’ultima strofa ritroviamo forse il poeta che parla di san Pietro. È comunque necessario sottolineare che l’identità delle voci non è assolutamente esplicitata.

Baudelaire continua la rivolta di san Pietro: si tratta di una rivolta non solo contro il Dio-tiranno, ma anche contro la scelta di Gesù di non continuare a lottare per la sua promessa terrestre. Non vuole vivere in un “monde où l’action n’est pas la sœur du rêve”. Insomma, Baudelaire modifica la visione evangelica del rinnegamento di san Pietro: per lui, l’apostolo non è un vigliacco, ma un uomo deluso.

Ad ogni modo, la poesia può essere letta anche come una critica politica. Dobbiamo aspettare la seconda strofa per legare meglio la poesia alla società dell’epoca: Le Reniement de saint Pierre è stato scritto tra il 1849 e il 1851, quindi quasi nel corso della rivoluzione del 1848 e il “sang” versato non è stato sufficiente per saziare i “cieli” e, di conseguenza, i potenti. Gesù ha insegnato al popolo a insorgere, ma si è poi arreso e ha concesso la vittoria a Dio. Per questo motivo, poco dopo, Baudelaire giustifica e soprattutto incita la rivolta e la vendetta di Caino che lotta contro l’ingiustizia divina: rovescia il mito biblico per fare di Caino la vera vittima di una punizione ingiusta e quindi colui che deve detronizzare Dio.

Per quanto riguarda la traduzione della poesia, ho scelto di rinunciare alla difficilissima resa delle rime a favore di una sintassi italiana più naturale. Il titolo è spesso tradotto con “Il rinnegamento di san Pietro” o “La rinnegazione di san Pietro”: io ho preferito tradurre con “rinnegamento”, perché mi pare che ci siano più attestazioni di questa parola e per mantenere lo stesso genere maschile dell’originale.

Nella prima strofa, ho tradotto il termine “flot” con “fiotto” perché rimanda e anticipa l’idea del sangue che verrà versato, e la parola “gorgé” con “rimpinzato” perché volevo rendere il senso negativo dell’originale, senza scendere nella neutralità di “sazio”. Una grande difficoltà di questa strofa è la traduzione della parola “viande”: riprendendo la versione di Caproni, ho deciso di tradurre questa parola con “arrosti”. Utilizzare la parola “arrosti” in un contesto che rimanda al corpo di Cristo e all’eucarestia è una scelta molto marcata, ma penso che sia la più significativa: “viande” è un termine che rimanda all’ambito culinario e Baudelaire avrebbe potuto usare un’altra parola per indicare il corpo di Cristo, come ad esempio “chair”, dalla connotazione molto più neutra. Dunque “arrosti”, che ha decisamente valore negativo in questo contesto, mi sembra la scelta più appropriata. Per quanto riguarda l’aggettivo “bruit”, ho deciso di tradurlo con “brusio” per rafforzare l’ossimoro (“dolce brusio delle nostre terribili bestemmie”) creato dal poeta nel testo originale.

Nella terza strofa Pietro si rivolge a Dio chiamandolo “Celui”: è significativo notare che non possiamo sapere se la parola sia maiuscola o minuscola. Nel testo originale, infatti, la parola è in maiuscolo, ma all’inizio del verso, quindi è maiuscola come tutte le altre parole iniziali di ogni verso e non, forse, per pura scelta. Per questo motivo, in traduzione ho preferito mantenere la maiuscola a inizio verso, in modo da conservare l’ambiguità dell’originale.

Nel corso della quinta strofa, ho scelto di tradurre il verbo “brisé” con “spezzato” perché entrambi rimandano all’eucarestia.

Per quanto riguarda la settima strofa, occorre prendere un’altra decisione: la parola “maître” è spesso stata tradotta in italiano con “signore”. Nella mia traduzione ho preferito mantenere “maestro” non solo per non allontanarmi dal testo originale, ma anche e soprattutto perché l’apostolo qui si rivolge al proprio maestro e non al Signore-Dio.

L’ultima strofa è sicuramente la più significativa della poesia e rappresenta il poeta che riprende la rivolta dell’apostolo Pietro e la porta avanti. L’ultimo verso è estremamente importante e i tre puntini di sospensione aggiungono ulteriore significato alla dichiarazione finale.


Informazioni su Cristina Guerra

Nasco fieramente marchigiana a Sassocorvaro (PU), in pieno Montefeltro, l'11 dicembre 1991. Il mio percorso di studi si distingue fin dal liceo (linguistico, bien sûr) per una passione nei confronti delle lingue e delle letterature straniere. Conseguo la laurea triennale in Lingue e traduzione interculturale presso l'Università di Roma Tre, per poi prendere la via di Pisa e della Traduzione letteraria e saggistica, corso in cui mi laureo nel novembre 2015. Attualmente frequento un master in mediazione linguistica e proseguo la mia storia d'amore con le lingue e le letterature francese e inglese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.