Leïla Sebbar, Les femmes au bain

a cura di Giulia Rocci

Che cosa si dicono, quali storie si raccontano e quali segreti custodiscono le donne algerine protette dai vapori caldi e rassicuranti di un tipico bagno turco?
Attraverso Les femmes au bain, la scrittrice franco-algerina Leïla Sebbar si propone di scoprirlo, permettendo al lettore di penetrare quell’universo lontano e seducente, misterioso e inviolabile che tanti pittori, da Ingres a Manet, da Delacroix a Picasso, nel corso dei secoli, hanno cercato di immaginare e rappresentare, senza tuttavia riuscire a coglierne appieno l’essenza. Quello del bagno turco è, infatti, uno spazio privilegiato e protetto di interazione, incontro e confronto in cui donne di ogni età ed estrazione sociale possono parlare “sans surveillance”, svincolate dal controllo di una società patriarcale e tribale. Le due voci principali del testo, un uomo e una donna senza nome, amanti accumunati da ineguagliabili virtù dell’anima ma separati fisicamente, si alternano per denunciare la violenza delle leggi imposte diventando, in questo modo, emblema della resistenza alle prevaricazioni della società tradizionale e integralista. Il genio dell’opera sta però nel configurarsi come un testo polifonico in cui le voci narranti si moltiplicano pagina dopo pagina, intrecciando e sovrapponendo a quello principale i propri racconti sulla vita e sulla morte, sul bene e sul male, su ciò che è lecito e su ciò che è illecito, sull’anima e sul corpo. Fin dal principio, infatti, appare chiaro che la vera e propria protagonista del romanzo sia la parola che, con il suo potere sovversivo e salvifico, diventa un potente strumento di ribellione e un’arma indissolubile contro la violenza e l’ignoranza, un mezzo per mettere in discussione e sovvertire lo status quo dominante. Come delle moderne Shahrazad, le protagoniste del romanzo sono consapevoli che, nel mondo in cui vivono, anche il più piccolo atto di ribellione, all’apparenza insignificante, è in grado di intaccare e far vacillare un sistema fondato su repressione e paura. È proprio in questa prospettiva che un bagno turco, una biblioteca, una scuola possono diventare luoghi di emancipazione, di liberazione e di cambiamento.
Les femmes au bain risponde a una precisa esigenza avvertita da Leïla Sebbar, quella di “faire entendre une voix, une voix qui marche du côté du désir, du plaisir et de l’amour. Une voix de liberté sans contrôle tribal, communautaire, patriarcal”. Un’unica certezza si può trarre, infatti, dalla sua lettura: l’oralità, intesa come medium espressivo opposto alla scrittura, permea ogni aspetto del testo; i due piani cooperano permettendo la tessitura di una narrazione in cui, come l’autrice stessa ha dichiarato, “on entend la voix de la langue, certes, mais d’une langue écrite: c’est là le paradoxe”. Si tratta di un testo scritto per essere parlato e pronunciato, poiché si avvale di una scrittura che non inibisce le caratteristiche tipiche del parlato, quali la variazione dei toni, la forza espressiva, la vivacità, il pathos, ma anche la gestualità e la mimica facciale. L’autrice si avvale di un linguaggio mai convenzionale, lontano dalla retorica accademica, dalle frasi fatte, dai luoghi comuni, creando una modalità di espressione fresca e personale, libera e precisa, portando avanti un processo di “oralizzazione” e “arabizzazione” della lingua francese. In questo modo può emergere quell’aggrovigliamento tra passato e presente, tra storia e Storia che la scrittura di Leïla Sebbar sottende; il risultato è un romanzo che si potrebbe definire della memoria, quella individuale e quella collettiva, fonte di conoscenza e di arricchimento personale, ottenuto affidando alla donna, custode della memoria di una famiglia, di una tribù, di un popolo, l’arduo compito di custodire e tramandare racconti, storie e leggende.

Saggio di traduzione

Poiché sorridevo al ricordo di quei dignitari avidi di giovani corpi femminili, all’improvviso la vecchia saggia smise di parlare. “A cosa pensi? Stai sorridendo, dicci perché”. “Pensavo a una donna che non avete visto, o piuttosto a un frammento di donna. Qui non vediamo queste immagini, e quella non lascia la parete su cui è stata appesa”. “Quale donna? Parla”. “Una sconosciuta senza nome né viso. Sdraiata, la sua veste non copre la parte bassa del ventre bianco. Ha aperto le cosce e si vede ciò che vi si nasconde…”. “Perché ci stai parlando di quella cosa indecente?” “Io la trovo bella ‘quella cosa’ come dici tu, e non indecente”. “Bene. E allora?” “Sorridevo per la storia di quel quadro”. “E tu pensi che a noi interessi, questa storia? So che alcuni uomini hanno dipinto delle donne al bagno turco, io non le ho mai viste, noi siamo quelle donne del bagno turco…”. “Si dice che un diplomatico ottomano del secolo scorso abbia comprato questo quadro e che lo abbia svelato in segreto nei suoi salotti a Parigi, tirò via un telo verde, e ciò che fa sì che una donna sia una donna e che sia all’origine del mondo apparve sotto lo sguardo delle donne del suo harem e dei suoi ospiti, ammirati e ardenti davanti a ‘quella cosa’. Dopo il diplomatico, è stato, si dice, un dottore dell’anima a comprare il quadro, non era un dottore in religione, nascondeva la donna con la sua bellezza per poi rivelarla a sorpresa agli invitati di sua scelta”.
Se i nostri fratelli di religione – nostri fratelli, no, nostri fratelli nemici – andassero nei musei della riva occidentale, avrebbero molto lavoro da fare per coprire, come hanno fatto in alcune sale museali del loro paese, corpi di donne nude o denudate solo in parte, ninfe, dee, cortigiane, odalische, donne al bagno turco, o per buttare a terra e distruggere le sculture dei parchi e dei giardini. Quei corpi di donne li rendono folli, hanno paura, quelle si espongono, nessuno che lo vieti, che le punisca se disobbediscono, quelle appartengono a Satana, meritano la morte. Ma come uccidere l’immagine? Nasconderle tutte, impossibile. Offuscarle, imbrattarle, macchiarle, insozzarle, in modo che non possano più essere viste, che siano buttate via, che non esistano più, né la donna né l’immagine? Chi oserebbe?
Si dice che un ragazzo si fosse convertito dopo anni di dissolutezza. Conosceva tutto delle donne e tutte le donne. Poteva vedere qualunque immagine di donna nuda, la sua fede lo proteggeva contro lo smarrimento. Entrò un giorno in un museo in cui era esposto ciò che della donna viene nascosto, è bello e malefico, sacro e terrificante. Pietrificato, con gli occhi da pazzo, cominciò a urlare…
Le donne al bagno turco dicono che vorrebbero proprio vedere… la vecchia dice che la donna senza nome, la donna senza viso, quella donna è lontana, dall’altra parte del mare. Lei, i suoi giorni sono contati, non la vedrà, continua.

Nota
Università di Pisa: Tesi di laurea magistrale in Traduzione Letteraria e Saggistica
https://etd.adm.unipi.it/theses/available/etd-01192016-165044/

Titolo: L’oralità nella scrittura di Leïla Sebbar: traduzione e analisi di Les femmes au bain
Tesista: Giulia Rocci
Relatori: Barbara Sommovigo e Hélène De Jacquelot

Coordinate bibliografiche del testo tradotto:
Sebbar, Les femmes au bain, Saint – Pourçain- sur- Sioule, Bleu autour, 2009.


Informazioni su Mariateresa Sala

Amante delle lingue fin dal liceo, mi sono laureata in “Lingue e Letterature Moderne e Contemporanee” presso l’Università Ca’ Foscari Venezia e in “Traduzione Letteraria e Saggistica” a Pisa. Editor e traduttrice, la mia grande passione è da sempre la traduzione, sia francese che inglese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.