Traduzione e/è ricerca: un Manifesto

Non sono poi così lontani i giorni in cui, un po’ come in un campo di battaglia, i cosiddetti «Studi sulla traduzione» (o Translation Studies o Traductologie), hanno scavato le proprie trincee, combattuto e con fatica ottenuto piccole e grandi vittorie per affermarsi come vera e propria inter-disciplina nel mondo accademico. Tuttavia, un Nida, un Chomsky, un Holmes e una Bassnett (per citarne alcuni) non sembrano esser bastati a fugare dubbi e fraintendimenti dall’aria un po’ stantia sulla funzione e il valore della traduzione come «prodotto finito» tra coloro i quali aleggiano intorno alle Lingue Moderne senza esserne parte effettiva.

È un discorso ad ampio spettro, ma che nasce da un’oggettiva indecisione, nonché da una presa di coscienza, tra gli accademici britannici – caratterizzati da un sistema educativo che fa riferimento alle valutazioni un tempo chiamate RAE, ora REF (Research Excellence Framework)[i] – sullo status della traduzione. Ne è risultata la recente stesura di un vero e proprio Manifesto, sottoscritto da numerose associazioni, che in cinque punti fondamentali rivendica il ruolo della traduzione non solo come oggetto di ricerca, ma anche come mezzo e soprattutto come ricerca stessa.

  1. «La traduzione dovrebbe essere considerata ricerca dagli accademici coinvolti, e non, nelle Lingue Moderne, e da coloro i quali agevolano, monitorano e valutano la loro ricerca. […]»

Come accennato subito dopo nel Manifesto, la MLA (Modern Language Association) già da tempo promuove questa visione, e nel 2011 ha affermato che chiunque si occupi di traduzione di un certo spessore non è impegnato in un mero processo di transcodifica, ma in una vera e propria pratica rigorosa, «allo stesso tempo critica e creativa, che richiede accuratezza lessicale, conoscenza dettagliata dei contesti storico, politico, sociale e letterario […]» (Evaluating Translations as Scholarship, 2011). Strano a dirsi (o forse no), la MLA non menziona mai il termine «ricerca», tanto caro al REF. Eppure, le idee di fondo dei due enti non sono agli antipodi: al contrario, il concetto di «ricerca» del REF è già tacitamente e sufficientemente ampio da inglobare la traduzione. Proprio per questo motivo,

  1. «In nessun caso si vuole mettere in discussione il significato della parola “ricerca” […]»

Cionondimeno, non è raro trovare fronti aggrottate e riserve nella valutazione accademica di traduzioni (un chiaro esempio è quello di Susan Bassnett che nel 2007 fu sconsigliata in tal senso, e invitata a presentare pubblicazioni, da lei definite, «più noiose»)[ii].

  1. «La traduzione ha valore intellettuale e culturale […]»

e questo nonostante nei dipartimenti di lingue straniere si tenda a (far) leggere le grandi opere nella lingua di partenza, e a considerare le traduzioni (non solo quelle «di servizio») quasi come un ostacolo all’apprendimento della dimensione culturale di una data lingua. Ma non è pensabile che qualcuno abbia letto un certo numero di opere, originarie di più parti del mondo, senza l’ausilio di una traduzione che medi parole e faccia circolare idee tra la lingua di partenza e quella di arrivo.

  1. «La traduzione è una pratica rigorosa, allo stesso tempo critica e creativa. […]
    Le traduzioni richiedono e racchiudono alti livelli di conoscenza e cultura specializzate. […]
    La traduzione è una forma di scrittura creativa.»

Tradurre non è meno impegnativo e vincolante che scrivere prosa o poesia; ce lo hanno insegnato già da tempo autori del calibro di Montale, De Filippo, Pound, Bataille, Bonnefoy, e la lista potrebbe continuare a lungo. Ancora, altri autori sono (anche) famosi per quelle che si pongono come «riscritture» di altre opere, come nel caso di Paul Celan e delle sue traduzioni in tedesco[iii]. Altri ancora danno vita a «versioni» a partire da traduzioni, che – se messe al vaglio del REF – troverebbero acclamata approvazione nell’ambito della sola scrittura creativa, ma non egual consenso in termini di ricerca.

  1. «Le traduzioni non sono più difficili da valutare rispetto ad altre numerose forme di ricerca, erudizione e opere creative. […] la traduzione dovrebbe essere considerata una piena e legittima forma di ricerca.»

Nessuno impedisce formalmente di sottoporre traduzioni al REF, ma, forse anche influenzati dalle linee-guida della MLA, molti si sentono obbligati a fornire «documenti di supporto» che in qualche modo giustifichino o spieghino la traduzione stessa, e così spogliandola di quel carattere pieno e legittimo sopra citato. Non c’è dubbio che la percezione che si ha della traduzione necessiti di un sensibile cambiamento, e la stesura di questo Manifesto lo grida ad alta voce.


[i] Si tratta di un metodo ciclico per la valutazione delle più alte istituzioni educative britanniche, focalizzato sulla ricerca.
[ii] Cfr. HARRISON, Nicholas, Note on Translation as Research, in «MLO – Modern Languages Open», pubblicato il 5 nov 2015.

[iii] Ibid.

 

Riferimenti bibliografici

Translation as Research: A Manifesto, in «MLO – Modern Languages Open», consultabile su www.modernlanguagesopen.org. [20 dic 2015]

Evaluating Translation as Scholarship: Guidelines for Peer Review, in «MLA – Modern Language Association»,  consultabile su www.mla.org. [20 dic 2015]

Harrison, Nicholas, Note on Translation as Research, in «MLO – Modern Languages Open», consultabile su www.modernlanguagesopen.org. [20 dic 2015]

Link utili

REF2014 – Research Excellence Framework. ‹http://www.ref.ac.uk/›

MLA – Modern Language Association. https://www.mla.org/

 

(traduzione e commento a cura di Cristina Longo)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.