Archivi tag: proposta di traduzione

Traducendo Baudelaire_Le cygne

Qui l’autore dà vita a immagini disperate, allegorie di un poeta la cui creazione è intrisa di malinconia; e tuttavia ci lascia con una speranza finale, la speranza che la creazione continui e moltiplichi le immagini del poeta, per quanto malinconiche e sofferenti.

Continua la lettura di Traducendo Baudelaire_Le cygne

Traducendo Baudelaire_L’Ennemi

Sonetto particolarmente significativo perché mostra con chiarezza lo Spleen e l’angoscia del poeta che osserva i danni del Tempo sulla sua vita e che costituisce da solo la chiave di lettura e la moralità del libro.

Continua la lettura di Traducendo Baudelaire_L’Ennemi

Traducendo Baudelaire_Correspondances

Il titolo del sonetto rimanda a una realtà più profonda, a un mondo fatto di richiami, sensazioni, suoni, colori e odori che stabiliscono tra loro delle corrispondenze: legami invisibili ma voci di uno stesso linguaggio.

Continua la lettura di Traducendo Baudelaire_Correspondances

Leïla Sebbar, Les femmes au bain

a cura di Giulia Rocci

Che cosa si dicono, quali storie si raccontano e quali segreti custodiscono le donne algerine protette dai vapori caldi e rassicuranti di un tipico bagno turco?
Attraverso Les femmes au bain, la scrittrice franco-algerina Leïla Sebbar si propone di scoprirlo, permettendo al lettore di penetrare quell’universo lontano e seducente, misterioso e inviolabile che tanti pittori, da Ingres a Manet, da Delacroix a Picasso, nel corso dei secoli, hanno cercato di immaginare e rappresentare, senza tuttavia riuscire a coglierne appieno l’essenza. Quello del bagno turco è, infatti, uno spazio privilegiato e protetto di interazione, incontro e confronto in cui donne di ogni età ed estrazione sociale possono parlare “sans surveillance”, svincolate dal controllo di una società patriarcale e tribale. Continua la lettura di Leïla Sebbar, Les femmes au bain

Traducendo Baudelaire_Sur le Tasse en prison d’Eugène Delacroix

Baudelaire ci offre la visione di un genio e del genio nonché della sua lacerazione interiore, trasforma un quadro e ne fa un emblema del vero Poeta, ci vuole parlare dell’uomo, di un uomo duplice, che porta dentro di sé la fonte del proprio dolore e di cui ignora l’esistenza, perché solo il poeta è in grado di scorgerla e svelarla.

Continua la lettura di Traducendo Baudelaire_Sur le Tasse en prison d’Eugène Delacroix

Traducendo Baudelaire_Le crépuscule du soir/Le crépuscule du matin

Due testi che si completano a vicenda, attraverso cui, ancora una volta, Baudelaire ci mostra la polarità della sua intera opera: una duplice luce, uno spazio intermedio in cui giorno e notte si intrecciano, rivelandoci così la loro opposta verità.

Continua la lettura di Traducendo Baudelaire_Le crépuscule du soir/Le crépuscule du matin

Traducendo Baudelaire_Le reniement de Saint Pierre

Baudelaire continua la rivolta di san Pietro: si tratta di una rivolta non solo contro il Dio-tiranno, ma anche contro la scelta di Gesù di non continuare a lottare per la sua promessa terrestre. […] Baudelaire modifica la visione evangelica del rinnegamento di san Pietro: per lui, l’apostolo non è un vigliacco, ma un uomo deluso.

Continua la lettura di Traducendo Baudelaire_Le reniement de Saint Pierre

Traducendo Baudelaire_L’albatros

Baudelaire, nella sua perfezione poetica, riesce a sincronizzare forma e contenuto lungo le quartine dell’Albatros, in cui i versi sembrano muoversi e dispiegarsi come le grandi ali bianche di questo uccello dei mari.

Continua la lettura di Traducendo Baudelaire_L’albatros

Assia Djebar, Les enfants du nouveau monde

a cura di Marta Ingrosso

Assia Djebar scrive Les enfants du nouveau monde nel 1960, in Marocco. La prerogativa di quest’opera è la combinazione quasi alchemica tra la narrazione icastica e potentissima che la contraddistingue e l’incredibile forza del messaggio che sprigiona. Il vero protagonista del romanzo è il popolo algerino, in tutte le sue espressioni, con i suoi “modelli” di donna e con le figure quasi evanescenti degli uomini, divisi tra sfera pubblica e sfera privata. Si tratta di un incrocio di vite elegantemente orchestrato o, per usare le parole della Djebar, “une sorte de ballet autour d’un même lieu au cœur d’une même ville”. Continua la lettura di Assia Djebar, Les enfants du nouveau monde