«Sono un’esule felice»

Intervista a Katia Pastura

Storia di una libraia, traduttrice ed editrice messinese

La fatica buona del traduttore è proprio lo stare continuamente a metà strada tra familiarità ed estraneità. È la condizione dell’esule feliceesule perché non sei più nel territorio che ti dovrebbe dire dove sei ma ti sposti invece in un altro dove paradossalmente ti senti di più di esserci perché lo acquisisci a poco a poco; felice perché sai di poter andare e venire laddove l’esule vero spesso non ha la possibilità di tornare dal luogo in cui è stato o si è esiliato. Io sono un’esule felice.

A cura di Maria Caprì

Continua la lettura di «Sono un’esule felice»

Traducendo Baudelaire_L’Ennemi

Sonetto particolarmente significativo perché mostra con chiarezza lo Spleen e l’angoscia del poeta che osserva i danni del Tempo sulla sua vita e che costituisce da solo la chiave di lettura e la moralità del libro.

Continua la lettura di Traducendo Baudelaire_L’Ennemi

Traducendo Baudelaire_Correspondances

Il titolo del sonetto rimanda a una realtà più profonda, a un mondo fatto di richiami, sensazioni, suoni, colori e odori che stabiliscono tra loro delle corrispondenze: legami invisibili ma voci di uno stesso linguaggio.

Continua la lettura di Traducendo Baudelaire_Correspondances

Leïla Sebbar, Les femmes au bain

a cura di Giulia Rocci

Che cosa si dicono, quali storie si raccontano e quali segreti custodiscono le donne algerine protette dai vapori caldi e rassicuranti di un tipico bagno turco?
Attraverso Les femmes au bain, la scrittrice franco-algerina Leïla Sebbar si propone di scoprirlo, permettendo al lettore di penetrare quell’universo lontano e seducente, misterioso e inviolabile che tanti pittori, da Ingres a Manet, da Delacroix a Picasso, nel corso dei secoli, hanno cercato di immaginare e rappresentare, senza tuttavia riuscire a coglierne appieno l’essenza. Quello del bagno turco è, infatti, uno spazio privilegiato e protetto di interazione, incontro e confronto in cui donne di ogni età ed estrazione sociale possono parlare “sans surveillance”, svincolate dal controllo di una società patriarcale e tribale. Continua la lettura di Leïla Sebbar, Les femmes au bain

Traducendo Baudelaire_Sur le Tasse en prison d’Eugène Delacroix

Baudelaire ci offre la visione di un genio e del genio nonché della sua lacerazione interiore, trasforma un quadro e ne fa un emblema del vero Poeta, ci vuole parlare dell’uomo, di un uomo duplice, che porta dentro di sé la fonte del proprio dolore e di cui ignora l’esistenza, perché solo il poeta è in grado di scorgerla e svelarla.

Continua la lettura di Traducendo Baudelaire_Sur le Tasse en prison d’Eugène Delacroix

Traducendo Baudelaire_Le crépuscule du soir/Le crépuscule du matin

Due testi che si completano a vicenda, attraverso cui, ancora una volta, Baudelaire ci mostra la polarità della sua intera opera: una duplice luce, uno spazio intermedio in cui giorno e notte si intrecciano, rivelandoci così la loro opposta verità.

Continua la lettura di Traducendo Baudelaire_Le crépuscule du soir/Le crépuscule du matin

Traducendo Baudelaire_Le reniement de Saint Pierre

Baudelaire continua la rivolta di san Pietro: si tratta di una rivolta non solo contro il Dio-tiranno, ma anche contro la scelta di Gesù di non continuare a lottare per la sua promessa terrestre. […] Baudelaire modifica la visione evangelica del rinnegamento di san Pietro: per lui, l’apostolo non è un vigliacco, ma un uomo deluso.

Continua la lettura di Traducendo Baudelaire_Le reniement de Saint Pierre

Traducendo Baudelaire_L’albatros

Baudelaire, nella sua perfezione poetica, riesce a sincronizzare forma e contenuto lungo le quartine dell’Albatros, in cui i versi sembrano muoversi e dispiegarsi come le grandi ali bianche di questo uccello dei mari.

Continua la lettura di Traducendo Baudelaire_L’albatros

Trop de faveur tue/Troppo favore uccide

La novella Trop de faveur tue è stata pubblicata per la prima volta nella Revue de Paris del 15 dicembre 1912 e del primo gennaio 1913 benché il primo titolo che Stendhal aveva pensato per questo testo fosse Trop de faveur nuit.

Firenze, 1589. Il racconto è ambientato in un convento benedettino all’epoca di Ferdinando de’ Medici. Si narrano le vicende delle giovani monache ospiti del convento offrendo un vivace affresco dell’Italia rinascimentale. Ma i veri protagonisti della novella sono le passioni segrete, i complotti e gli inganni che si susseguono incessantemente fino a condurre i protagonisti, tramite duelli, bugie e avvelenamenti, a un tragico epilogo.

I temi chiave sono il convento e la costante ricerca di libertà, provocata dalle forti passioni che spingono le monache a commettere anche crimini.

L’anagrafica delle traduzioni qui di seguito riporta la prima pubblicazione in lingua francese, e le successive traduzioni italiane dal 1949 al 2014.

Anagrafica delle traduzioni Trop de faveur tue/Troppo favore uccide

(a cura di Marina Menichini)

Les Chroniques Italiennes, Le Divan, 1929
Les Chroniques Italiennes, Le Divan, 1929

 

La Femme de Paul/La donna di Paul

Nel 1881, Maupassant pubblica la sua prima raccolta, La Maison Tellier, della quale fanno parte novelle già edite su riviste e periodici, e testi inediti tra cui La Femme de Paul.

In La Femme de Paul, Maupassant ci conduce alla scoperta della società parigina, dei suoi volti, dei suoi luoghi e delle sue dinamiche immorali. La novella racconta la storia del giovane Paul, innamorato di Madeleine, che fa esperienza del primo amore e delle conseguenze devastanti di un sentimento non corrisposto. Nella cornice della Grenouillère bagnata dalla Senna, Paul si trova davanti alla dura realtà: Madeleine è incline alle frequentazioni lesbiche e si concede a Pauline, una vera e propria rivale in amore. Nella novella, la forte presenza del narratore non lascia molto spazio all’autonomia dei personaggi di cui Maupassant dipinge, in modo dettagliato e puntuale, i tratti fisici, psicologici e morali, dimostrando di essere il maestro del ritratto letterario.

L’anagrafica qui di seguito riporta la prima pubblicazione in lingua francese e le successive traduzioni italiane pubblicate dal 1897 al 2014.

Anagrafica delle traduzioni_La femme de Paul/La donna di Paul

Claude Monet, Bain à la Grenouillère, 1869, Olio su tela, New York Metropolitan Meuseum of Art.
Claude Monet, Bain à la Grenouillère, 1869, Olio su tela, New York Metropolitan Museum of Art.