Tutti gli articoli di Mariateresa Sala

Informazioni su Mariateresa Sala

Amante delle lingue fin dal liceo, mi sono laureata in “Lingue e Letterature Moderne e Contemporanee” presso l’Università Ca’ Foscari Venezia e in “Traduzione Letteraria e Saggistica” a Pisa. Editor e traduttrice, la mia grande passione è da sempre la traduzione, sia francese che inglese.

Pour un traducteur, il n’est de bon auteur que mort

La Revue des Ressources, 4 mai 2004

Un soir, à la suite d’un débat public, une dame s’est présentée : “ Jeanne Etoré, traductrice d’allemand ”, et a déclaré : “ Je préfère traduire des textes courts, car à la 250ème page d’un roman, j’ai envie d’égorger l’auteur ; et si par malheur il est vivant, s’il s’imagine connaître la langue française et se mêle d’intervenir dans mon travail, j’ai encore plus envie de le tuer ! ” Ainsi, je n’étais pas la seule à ressentir des pulsions de meurtre, me suis-je dit, reconnaissante et soulagée. Puisque j’étais en bonne compagnie, j’allais enfin pouvoir parler franchement de mon expérience bicéphale de romancière-traductrice.

J’ai passé deux ans de ma vie au service (aux sévices ?) d’un auteur hongrois si contemporain qu’il en est vivant : Péter Esterházy. Bien que très éloigné de mon moi d’auteur dans son style et ses thèmes, au cours de cette longue fréquentation, il m’est entré dans l’esprit et s’y est incrusté de façon fort inopportune. J’ai mis longtemps à exorciser cette “ possession ” littéraire. Et depuis que j’en ai fini avec celui-là, j’ai toujours veillé à ce que mon auteur soit mort, ou que son texte soit court. Je ne m’en porte que mieux.

Continua la lettura di Pour un traducteur, il n’est de bon auteur que mort

Le Horla

Ci sono pervenute due versioni di Le Horla: la prima è stata pubblicata il 26 ottobre del 1886 nel quotidiano Gil Blas e la seconda è stata pubblicata nel 1887 a Parigi dall’editore Ollendorf.

La prima versione non è una bozza della versione del 1887, ma un’opera del tutto differente. Fra le due versioni, a fare la differenza, sono il trattamento del tema e la diversa struttura narrativa.

Nel 1907 la Società Editrice Milanese pubblicò la prima traduzione italiana del racconto. L’opera è stata tradotta in Italia ben altre 24 volte, con la traduzione più recente nel 2013 a cura della traduttrice Rita Stajano per l’editore Rizzoli.

Il racconto è scritto in prima persona e si tratta di un diario autobiografico. Il protagonista, senza nome, è un uomo benestante, celibe, dell’alta borghesia, che sente sopra di sé la presenza di un essere invisibile, chiamato Horla. Terrorizzato, descrive l’essere come un doppio che a poco a poco consuma la sua vita, tanto da decidere di eliminarlo. Alla fine il suicidio viene visto come l’unica via possibile per sfuggire all’Horla. Il racconto è considerato come una delle espressioni maggiori dell’opera di Maupassant, un capolavoro della letteratura fantastica francese ed europea.

La seguente anagrafica delle traduzioni riporta la prima pubblicazione in francese sul quotidiano Gil Blas e le successive traduzioni in italiano dal 1907 al 2013.

(a cura di Ilaria Mariotti)

Le Horla_Mariotti

Gil Blas du 28 octobre 1886

Par un soir de printemps/In una sera di primavera

Pubblicato per la prima volta nel periodico Le Gaulois del 7 maggio 1881 e successivamente incluso nella raccolta postuma Le Père Milon del 1899, Par un soir de printemps è un racconto breve di Guy de Maupassant.

L’inizio ci presenta due giovani cugini, Jeanne e Jacques, destinati a sposarsi secondo il volere della famiglia, e il loro reciproco affetto che man mano – forse sinceramente, forse perché è ciò che gli altri si aspettano da loro – si tramuta in un quieto amore fatto di fremiti e attesa. Eppure, ben presto Maupassant rivela, con lievi accenni disseminati accuratamente nel testo, che la vera protagonista del racconto è “tante Lison”, la zia nubile dei due fidanzati, silenziosa e quasi invisibile spettatrice di vite e gioie che mai ha conosciuto.

In sole tre pagine, Maupassant dipinge piccole e vivide scene incorniciate da una natura lievemente malinconica e all’apparenza mai invadente, e permeate da un’immancabile e velata critica alla società del suo tempo, con i suoi perbenismi e la sua ipocrisia.

La seguente anagrafica riporta, oltre all’edizione originale francese, le traduzioni italiane del racconto ordinate dalla prima, pubblicata nel 1897, alla più recente, risalente al 2007.

MAUPASSANT_Par un soir de printemps_Micheli

(a cura di Irene Micheli)

Le Gaulois du 7 mai 1881

Leïla Sebbar, Les femmes au bain

a cura di Giulia Rocci

Che cosa si dicono, quali storie si raccontano e quali segreti custodiscono le donne algerine protette dai vapori caldi e rassicuranti di un tipico bagno turco?
Attraverso Les femmes au bain, la scrittrice franco-algerina Leïla Sebbar si propone di scoprirlo, permettendo al lettore di penetrare quell’universo lontano e seducente, misterioso e inviolabile che tanti pittori, da Ingres a Manet, da Delacroix a Picasso, nel corso dei secoli, hanno cercato di immaginare e rappresentare, senza tuttavia riuscire a coglierne appieno l’essenza. Quello del bagno turco è, infatti, uno spazio privilegiato e protetto di interazione, incontro e confronto in cui donne di ogni età ed estrazione sociale possono parlare “sans surveillance”, svincolate dal controllo di una società patriarcale e tribale. Continua la lettura di Leïla Sebbar, Les femmes au bain

Assia Djebar, Les enfants du nouveau monde

a cura di Marta Ingrosso

Assia Djebar scrive Les enfants du nouveau monde nel 1960, in Marocco. La prerogativa di quest’opera è la combinazione quasi alchemica tra la narrazione icastica e potentissima che la contraddistingue e l’incredibile forza del messaggio che sprigiona. Il vero protagonista del romanzo è il popolo algerino, in tutte le sue espressioni, con i suoi “modelli” di donna e con le figure quasi evanescenti degli uomini, divisi tra sfera pubblica e sfera privata. Si tratta di un incrocio di vite elegantemente orchestrato o, per usare le parole della Djebar, “une sorte de ballet autour d’un même lieu au cœur d’une même ville”. Continua la lettura di Assia Djebar, Les enfants du nouveau monde

Hérodias/Erodiade

Comparsa per la prima volta nella rivista Le Moniteur Universel dal 21 al 27 aprile del 1877, la novella Hérodias (Erodiade) fa parte della raccolta Trois Contes (Tre Racconti) di Gustave Flaubert. I Tre Racconti furono pubblicati dopo una “lunga gestazione”: infatti, l’autore li scrisse tra il settembre del 1875 e il febbraio del 1877, ma aveva sviluppato l’idea del secondo già nel 1846. L’ordine di pubblicazione dei racconti, inoltre, non corrisponde a quello della loro composizione: per esempio, la seconda, La Légende de Saint-Julien l’Hospitalier (La Leggenda di San Giuliano l’Ospitaliere), fu la prima a essere concepita (1846) e comparve in feuilleton nella rivista Le Bien Public tra il 19 e il 22 aprile del 1877.

Il soggetto di Erodiade non era una novità. Nel 1876, Flaubert visitò la mostra di Gustave Moreau dove poté ammirare la Salomé dansant devant Hérode e L’Apparition. Inoltre, aveva di certo letto Rome au siècle d’Auguste di Dezobry e la Vie de Jésus di Renan, da cui trasse delle informazioni per costruire i personaggi di Erode ed Erodiade.

L’anagrafica qui di seguito riporta le prime due pubblicazioni in lingua francese e le successive traduzioni italiane dal 1880 al 2014.

(a cura di Mariateresa Sala)

Hérodias

Salomé dansant devant Hérode
di Gustave Moreau