Il traduttore (quasi) perfetto

la Repubblica, 30 aprile 2017

“For their qualities, Canaletto’s works may be said to have preceded Impressionism”: come tradurreste questa frase? Se l’aveste chiesto una settimana fa a Google Translate la risposta sarebbe stata questa: “Per le loro qualità le opere di Canaletto si può dire di avere Impressionismo preceduto”. Divertente, ma quasi incomprensibile. Oggi invece la versione italiana è diventata questa: “Per le loro qualità si può dire che le opere di Canaletto abbiano preceduto l’Impressionismo”. Un balzo in avanti, e non vale solo per l’italiano: secondo un articolo del New York Times la traduzione giapponese che oggi Google fa di brani da Il Grande Gatsby di Scott Fitzgerald può superare addirittura quella, d’autore, di Haruki Murakami. Che cosa è successo? Il segreto delle nuove traduzioni automatiche sono le reti neurali, un sistema di trattamento dell’informazione che si ispira al funzionamento del nostro cervello.
Grazie a un nuovo tipo di memoria, chiamata con un curioso ossimoro: la memoria a lungo-breve termine, sistema capace di ricordare lungo tutto il corso della traduzione di una frase le parole iniziali, così da poter cogliere discordanze man mano che si procede e correggerle prima di visualizzare la frase finale.
È un’invenzione di Jürgen Schmidhuber, direttore dell’Istituto di Intelligenza Artificiale di Lugano: «Voglio sviluppare un’intelligenza artificiale più capace di me, così posso andare in pensione» racconta Schmidhuber. «Realisticamente, le reti neurali ci permetteranno tra pochi anni di costruire un’intelligenza artificiale curiosa e capace di apprendere in autonomia come un animale. Da lì in poi il passo verso HAL 9000 (il supercomputer di 2001: Odissea nello spazio, ndr) sarà meno lungo del previsto».
La strada per la comprensione del linguaggio sembra in discesa: «Prima d’ora riuscivamo piuttosto bene a tradurre le singole parole, ma non sapevamo comporle in un ordine che apparisse naturale nella lingua di destinazione. E trovavamo difficile far concordare tra loro le desinenze di parole che, nella stessa frase, sono collegate ma distanti tra loro» spiega Macduff Hughes, capo del team di Google Translate. «Ora questi due problemi sono risolti».
Nelle vecchie, goffe traduzioni le parole venivano tradotte in modo indipendente e poi concordate e ordinate secondo un mero modello statistico: la frase restituita da Google era quella più ricorrente nel web per quella combinazione di parole. «Adesso invece a essere tradotta è la frase intera nel suo insieme» spiega Hughes. «Funziona così: la frase viene divisa in tronconi di due-cinque lettere che percorrono tutti gli ottomila nodi di una rete neurale. Ogni nodo interpreta il pezzo di parola in arrivo tenendo contro sia dei pezzi di frase precedenti, che di milioni di esempi di frasi corrette nella lingua di destinazione. Se un nodo riconosce qualcosa che dà un senso diverso alla traduzione che si stava formando, la aggiorna prima di passarla agli altri nodi». Un lavoro certosino, a velocità vertiginosa e su scala impressionante: cento miliardi di parole al giorno in centotré lingue. Comprese le più difficili: «L’ungherese e il finlandese: quest’ultimo ha parole composte particolarissime (la più bizzarra, che ancora dà del filo da torcere a Hughes, è Juoksentelisinkohan, che significa letteralmente “Mi chiedo se dovrei correre senza meta” e Google traduce “I’m running around”, ndr)». Ma non sono soltanto i traduttori professionisti dal finlandese che possono trarre un sospiro di sollievo da questi piccoli intoppi nel sistema che minaccia di rimpiazzarli: «Di fronte a un nonsense, un calembour o una frase inconsueta, un traduttore umano può cavarsela e rispecchiare l’intento originale. Invece il traduttore neurale, pur di non fare scena muta, inventa qualcosa. Con esiti imprevedibili». Come migliorare? «In due modi: rendere il traduttore più abile nel capire il contesto, e dotarlo di una conoscenza del mondo utile a disambiguare le frasi» spiega Hughes. «Un esempio classico è: “La palla ha rotto il tavolo perché era di polistirolo” e “La palla ha rotto il tavolo perché era d’acciaio”.
In entrambi i casi un traduttore umano capisce subito qual è il soggetto del verbo “era”. Perché ha conoscenza del mondo: sa cos’è un tavolo, una palla, sa che il polistirolo è fragile e l’acciaio resistente. E intuisce». Ma anche Google Translate ha un suo particolarissimo intuito, che ha sorpreso gli stessi ingegneri di Mountain View. «Il passaggio intermedio tra la frase nella lingua A e la frase nella lingua B è una lunga sequenza di numeri. Abbiamo notato con stupore che le frasi che, in lingue diverse, hanno un significato simile generano sequenze numeriche molto simili tra loro. È come se la rete neurale avesse trovato, da sola, una sua “interlingua” che coglie, in qualche modo, l’essenza pura delle frasi, al di là di tutte le lingue. E permette perfino di tradurre in lingue su cui il sistema non è stato ancora allenato. È un passo affascinante e imprevisto verso la comprensione, e non solo la traduzione, del linguaggio naturale» spiega Hughes. «Penso che su questa strada vedremo, tra qualche decennio, cose così impressionanti da giustificare domande filosofiche su cosa sia l’intelligenza e l’autocoscienza». «È possibile» concorda Pedro Domingos, docente di apprendimento automatico alla Washington University e autore del saggio L’algoritmo definitivo (Bollati Boringhieri, 2016).
«Comprendere il linguaggio è quello che si definisce un problema “AI-completo”: significa che una volta risolto quello, si può risolvere qualsiasi altro problema di intelligenza artificiale, inclusa l’autoconsapevolezza». La parola del resto è anche l’unica cosa in grado di animare uno dei più leggendari androidi: il Golem della tradizione ebraica. Oggi a Google, traducendo meccanicamente i verbi più richiesti dagli utenti, capita di scrivere milioni di volte al secondo: “io sono”. Ma è ancora la frase vuota di un’intelligenza vicaria. Un giorno non troppo lontano, però, quell’“io sono” diventerà un’affermazione che riecheggerà per tutto il pianeta, col suono futuristico e insieme primordiale di un vagito.

http://cinquantamila.corriere.it/storyTellerArticolo.php?storyId=590864da5aea6


Informazioni su Barbara Sommovigo

Ricercatrice di Letteratura francese all'Università di Pisa i miei interessi si dividono tra il teatro comico francese (fine Seicento, inizo Settecento), la letteratura di espressione francese (in particolare quella del Nord Africa) e la traduzione letteraria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *