Traducendo Baudelaire_Sur le Tasse en prison d’Eugène Delacroix

Baudelaire ci offre la visione di un genio e del genio nonché della sua lacerazione interiore, trasforma un quadro e ne fa un emblema del vero Poeta, ci vuole parlare dell’uomo, di un uomo duplice, che porta dentro di sé la fonte del proprio dolore e di cui ignora l’esistenza, perché solo il poeta è in grado di scorgerla e svelarla.

Sur le Tasse en prison d’Eugène Delacroix Sur le Tasse en prison d’Eugène Delacroix   (trad. di Federica Merati)
Le poète au cachot, débraillé, maladif,
Roulant un manuscrit sous son pied convulsif,
Mesure d’un regard que la terreur enflamme
L’escalier de vertige où s’abîme son âme.
Il poeta in cella, trasandato, malato,
Sgualcendo un manoscritto con il piede agitato,
Osserva con lo sguardo infiammato dal terrore,
L’abisso di vertigine dove sprofonda il suo cuore.
Les rires enivrants dont s’emplit la prison
Vers l’étrange et l’absurde invitent sa raison;
Le Doute l’environne, et la Peur ridicule,
Hideuse et multiforme, autour de lui circule.
Le risa inebrianti di cui risuona la prigione
Allo strano e all’assurdo portan la sua ragione ;
Il Dubbio lo assedia, e la Paura orrenda,
Multiforme e ridicola, lo circonda.
Ce génie enfermé dans un taudis malsain,
Ces grimaces, ces cris, ces spectres dont l’essaim
Tourbillonne, ameuté derrière son oreille,
Questo genio rinchiuso in un tugurio infame,
Queste smorfie, queste grida, queste ombre il cui sciame
Turbina dietro il suo orecchio, tumultuoso,
Ce rêveur que l’horreur de son logis réveille,
Voilà bien ton emblème, Âme aux songes obscurs,
Que le Réel étouffe entre ses quatre murs!
Questo sognatore risvegliato dal suo alloggio spaventoso,
Ecco il tuo emblema, Anima dai sogni oscuri,
Che il Reale soffoca tra i suoi quattro muri !

Commento alla traduzione (a cura di Federica Merati)

È innegabile la passione che Baudelaire nutre per l’arte e per la pittura in particolare. Tale passione trova espressione in molti dei suoi componimenti, tra i quali si colloca anche Sur le Tasse en prison d’Eugène Delacroix, che sembra essere stato ispirato, come suggerisce il titolo stesso, da una tela di Eugène Delacroix, Le Tasse chez les fous, esposta alla Galerie Bonne-Nouvelle nel febbraio del 1844.

Trattandosi di un sonetto a rima baciata, in traduzione si è cercato innanzitutto di preservare lo schema metrico (AA BB CC DD EE FF GG) e con esso la struttura dei singoli versi come pure quella delle strofe. Le scelte terminologiche sono state operate in funzione del messaggio che il sonetto intende comunicare al lettore: la prigione in cui è rinchiuso il Tasso è sì una prigione fisica, materiale, ma è anche e soprattutto interiore; egli non teme tanto quelle forze esterne (Dubbio, Paura, ecc.) che possono condurre alla pazzia, ma ha paura che quella stessa pazzia possa sopraggiungere per il semplice motivo che riesce a vedere con chiarezza la realtà malsana che lo circonda. È per questa ragione che termini come “malsain” sono stati tradotti con “infame” e le personificazioni sono state mantenute, per enfatizzare l’opposizione tra apparenza e profondità che caratterizza l’intero sonetto.

Baudelaire ci offre la visione di un genio e del genio nonché della sua lacerazione interiore, trasforma un quadro e ne fa un emblema del vero Poeta. In ultima analisi, ci vuole parlare dell’uomo, di un uomo duplice, che porta dentro di sé la fonte del proprio dolore e di cui ignora l’esistenza, perché solo il poeta è in grado di scorgerla e svelarla.


Informazioni su Cristina Guerra

Nasco fieramente marchigiana a Sassocorvaro (PU), in pieno Montefeltro, l'11 dicembre 1991. Il mio percorso di studi si distingue fin dal liceo (linguistico, bien sûr) per una passione nei confronti delle lingue e delle letterature straniere. Conseguo la laurea triennale in Lingue e traduzione interculturale presso l'Università di Roma Tre, per poi prendere la via di Pisa e della Traduzione letteraria e saggistica, corso in cui mi laureo nel novembre 2015. Attualmente frequento un master in mediazione linguistica e proseguo la mia storia d'amore con le lingue e le letterature francese e inglese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *