Traducendo Baudelaire_Le crépuscule du soir/Le crépuscule du matin

Due testi che si completano a vicenda, attraverso cui, ancora una volta, Baudelaire ci mostra la polarità della sua intera opera: una duplice luce, uno spazio intermedio in cui giorno e notte si intrecciano, rivelandoci così la loro opposta verità.

Le crépuscule du soir Il crepuscolo della sera (trad. di Martina Garcea)
Voici le soir charmant, ami du criminel;
II vient comme un complice, à pas de loup; le ciel
Se ferme lentement comme une grande alcôve,
Et l’homme impatient se change en bête fauve.
Amica del criminale, ecco la sera seducente
Che giunge silenziosamente, come un connivente;
Come una grande alcova, si chiude il cielo lentamente
E si muta in belva atroce l’uomo impaziente.
Ô soir, aimable soir, désiré par celui
Dont les bras, sans mentir, peuvent dire: Aujourd’hui
Nous avons travaillé! — C’est le soir qui soulage
Les esprits que dévore une douleur sauvage,
Le savant obstiné dont le front s’alourdit,
Et l’ouvrier courbé qui regagne son lit.
Cependant des démons malsains dans l’atmosphère
S’éveillent lourdement, comme des gens d’affaire,
Et cognent en volant les volets et l’auvent.
À travers les lueurs que tourmente le vent
La Prostitution s’allume dans les rues;
Comme une fourmilière elle ouvre ses issues;
Partout elle se fraye un occulte chemin,
Ainsi que l’ennemi qui tente un coup de main;
Elle remue au sein de la cité de fange
Comme un ver qui dérobe à l’Homme ce qu’il mange.
On entend çà et là les cuisines siffler,
Les théâtres glapir, les orchestres ronfler;
Les tables d’hôte, dont le jeu fait les délices,
S’emplissent de catins et d’escrocs, leurs complices,
Et les voleurs, qui n’ont ni trêve ni merci,
Vont bientôt commencer leur travail, eux aussi,
Et forcer doucement les portes et les caisses
Pour vivre quelques jours et vêtir leurs maîtresses.
O dolce sera, desiderata da chi, senza mentire,
Ha braccia che possono dire:
Oggi abbiamo lavorato! – È la sera che sa consolare
Le anime tormentate dalle pene più amare,
Lo studioso ostinato che inarca il ciglio,
L’operaio che curvo ritorna al suo giaciglio.
Intanto, nell’aria demoni scellerati
Si risvegliano pesantemente come uomini impegnati
E nel volo colpiscono imposte e grondaie.
Fra le luci che la bora tormenta, nelle vie
La Prostituzione s’accende:
Come un formicaio schiude i suoi sbocchi
Aprendosi dovunque qualche varco nascosto,
Come tenta una sorpresa un avamposto,
Si trascina in seno alla città di fango
Come il verme che deruba all’Uomo ciò che mangia.
Qua e là le cucine si odono fischiettare,
E muggire i teatri, e le orchestre ronfare;
Taverne a prezzo fisso, dove il gioco impazza
Si popolano di meretrici e truffatori, loro complici,
E i ladri che non hanno tregua né pietà
Vanno anch’essi al lavoro, e piano piano
Forzano gli usci e le casseforti vuotano,
Per vivere qualche giorno e vestire l’amante.
Recueille-toi, mon âme, en ce grave moment,
Et ferme ton oreille à ce rugissement.
C’est l’heure où les douleurs des malades s’aigrissent!
La sombre Nuit les prend à la gorge; ils finissent
Leur destinée et vont vers le gouffre commun;
L’hôpital se remplit de leurs soupirs. — Plus d’un
Ne viendra plus chercher la soupe parfumée,
Au coin du feu, le soir, auprès d’une âme aimée.
Anima mia, in questo solenne attimo ti devi raccogliere
E a questo fragore il tuo orecchio devi chiudere.
É l’ora in cui i dolori dei malati s’inaspriscono!
La Notte cupa li afferra per la gola; finiscono
Il loro destino e verso il comune abisso si muovono;
Di sospiri gli ospedali si riempiono.
Molti non cercheranno più la minestra profumata
Accanto al focolare, la sera, con l’anima amata.
Encore la plupart n’ont-ils jamais connu
La douceur du foyer et n’ont jamais vécu!
La maggior parte ancora non ha mai conosciuto
Il dolce focolare e non ha mai vissuto!
Le crépuscule du matin Il crepuscolo del mattino (trad. di Martina Garcea)
La diane chantait dans les cours des casernes,
Et le vent du matin soufflait sur les lanternes.
La diana cantava nei cortili delle caserme
E il vento del mattino soffiava sulle lanterne.
C’était l’heure où l’essaim des rêves malfaisants
Tord sur leurs oreillers les bruns adolescents;
Où, comme un oeil sanglant qui palpite et qui bouge,
La lampe sur le jour fait une tache rouge;
Où l’âme, sous le poids du corps revêche et lourd,
Imite les combats de la lampe et du jour.
Comme un visage en pleurs que les brises essuient,
L’air est plein du frisson des choses qui s’enfuient,
Et l’homme est las d’écrire et la femme d’aimer.
Era l’ora in cui lo sciame dei sogni letali
Torce i bruni adolescenti sui guanciali,
Dove, come un occhio sanguinante che palpita e trema,
La lampada fa una macchia rossa sul giorno;
Dove l’anima, sotto il peso del corpo intorpidito
Imita quella lotta del lume e del mattino.
Come un volto in lacrime che la brezza asciuga,
L’aria è piena del brivido delle cose in fuga,
L’uomo è stanco di scrivere e la donna d’amare.
Les maisons çà et là commençaient à fumer.
Les femmes de plaisir, la paupière livide,
Bouche ouverte, dormaient de leur sommeil stupide;
Les pauvresses, traînant leurs seins maigres et froids,
Soufflaient sur leurs tisons et soufflaient sur leurs doigts.
C’était l’heure où parmi le froid et la lésine
S’aggravent les douleurs des femmes en gésine;
Comme un sanglot coupé par un sang écumeux
Le chant du coq au loin déchirait l’air brumeux
Une mer de brouillards baignait les édifices,
Et les agonisants dans le fond des hospices
Poussaient leur dernier râle en hoquets inégaux.
Les débauchés rentraient, brisés par leurs travaux.
Le case, qua e là, cominciavano a fumare
Le donne di piacere, con la palpebra spettrale
A bocca aperta dormivano il loro sonno irrazionale
Trascinando i seni magri e freddi le accattone
Soffiavano sulle dita e sul tizzone.
Era l’ora in cui crescevano i tormenti,
Tra il freddo e la miseria delle partorienti;
Come un singhiozzo rotto da un sangue schiumoso
Il canto del gallo lontano squarciava l’etere brumoso;
Bagnava gli edifici un mare nebbioso
 E gli agonizzanti in fondo agli ospizi
Cacciavano l’ultimo rantolo in sussulti differenziati.
Rientravano rotti dal lavoro i debosciati.
L’aurore grelottante en robe rose et verte
S’avançait lentement sur la Seine déserte,
Et le sombre Paris, en se frottant les yeux
Empoignait ses outils, vieillard laborieux.
Vestita di verde e di rosa l’aurora rabbrividente
Avanzava sulla Senna deserta lentamente
E stropicciandosi gli occhi la Parigi tenebrosa,
Impugnava i suoi arnesi da vecchia laboriosa.

Commento alla traduzione (a cura di Martina Garcea)

Il Crepuscolo della Sera e Il Crepuscolo del Mattino appartengono alla sezione dei Tableaux Parisiens, e sono stati pubblicati l’1 febbraio del 1852, nella Semaine Théâtrale.  Nonostante nella sezione le due poesie occupino due posizioni distanti, nella mente di un lettore o di un appassionato, inevitabilmente, si susseguono. Di fatto, sono due testi che si completano a vicenda, attraverso cui, ancora una volta, Baudelaire ci mostra la polarità della sua intera opera: una duplice luce, uno spazio intermedio in cui giorno e notte si intrecciano, rivelandoci così la loro opposta verità.

Per quanto riguarda la traduzione dei due testi, mi sono avvalsa dell’edizione di Baudelaire Tutte le poesie e i capolavori in prosa curata da M. Colesanti, (Roma, Newton Compton, 2011). Nella versione italiana, ho deciso di non rispettare la punteggiatura e il periodare utilizzati da Baudelaire, e ho scelto alcuni corrispettivi piuttosto che altri solo per rispettare la rima cercando, pertanto, di rendere musicali e armoniosi i testi italiani come quelli francesi, ma non sempre mi è stato possibile, poiché la sintassi italiana, in alcuni versi, risultava appesantita o poco naturale e la lettura si faceva difficoltosa.

Dietro ogni testo, esiste sempre l’impronta dell’autore, il quale rappresenta l’autorità massima a cui ogni traduttore deve fare riferimento e, nonostante il compito del traduttore sia quello di riprodurre le stesse sensazioni ed emozioni che ci regala l’autore, possiamo vedere che non sempre si riesce nell’intento.

Sulla riuscita finale, il giudice supremo resta, ad ogni modo, il lettore.


Informazioni su Cristina Guerra

Nasco fieramente marchigiana a Sassocorvaro (PU), in pieno Montefeltro, l'11 dicembre 1991. Il mio percorso di studi si distingue fin dal liceo (linguistico, bien sûr) per una passione nei confronti delle lingue e delle letterature straniere. Conseguo la laurea triennale in Lingue e traduzione interculturale presso l'Università di Roma Tre, per poi prendere la via di Pisa e della Traduzione letteraria e saggistica, corso in cui mi laureo nel novembre 2015. Attualmente frequento un master in mediazione linguistica e proseguo la mia storia d'amore con le lingue e le letterature francese e inglese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *