Traducendo Baudelaire_Correspondances

Il titolo del sonetto rimanda a una realtà più profonda, a un mondo fatto di richiami, sensazioni, suoni, colori e odori che stabiliscono tra loro delle corrispondenze: legami invisibili ma voci di uno stesso linguaggio.

Correspondances Corrispondenze (trad. di Caterina Vito)
La Nature est un temple où de vivvants piliers
Laissent parfois sortir de confuses paroles;
L’homme y passe à travers des forêts de symboles
Qui l’observent avec des regards familiers.
La Natura è un tempio i cui viventi pilastri
A volte sussurrano confuse parole;
L’uomo ci passa attraverso foreste di simboli
Che l’osservano con occhi familiari.
Comme de longs échos qui de loin se confondent
Dans une ténébreuse et profonde unité,
Vaste comme la nuit et comme la clarté,
Les parfums, les couleurs et les sons se répondent.
Come lunghi echi che da lontano si confondono
In una tenebrosa e profonda unità,
Vasta come la notte e come la limpidezza
I profumi, i colori e i suoni si rispondono.
Il est des parfums frais comme des chairs d’enfants,
Doux comme les hautbois, verts comme les prairies,
-Et d’autres, corrompus, riche et triomphants,
Vi sono profumi freschi come la carne dei bimbi,
Dolci come oboi, verdi come prati,
-E altri, corrotti, ricchi e trionfanti,
Ayant l’expansion des choses infinies,
Comme l’ambre, le musc, le benjoin et l’encens
Qui chantent les transports de l’esprit et des sens.
Che posseggono l’immensità delle cose infinite
Come l’ambra, il muschio, il benzoino e l’incenso
Che cantano gli impeti dell’anima e dei sensi.

Commento alla traduzione (a cura di Caterina Vito)

Correspondances, uno dei sonetti più celebri della raccolta Les Fleurs du Mal, può essere considerato il manifesto di quel che sarà il movimento simbolista. Il titolo del sonetto rimanda a una realtà più profonda, a un mondo fatto di richiami, sensazioni, suoni, colori e odori che stabiliscono tra loro delle corrispondenze: legami invisibili ma voci di uno stesso linguaggio.

Le corrispondenze baudelairiane svelano così un’unità profonda, in cui parti lontane del mondo si con-fondono e sfere sensoriali diverse si rispondono. Dal punto di vista linguistico, le figure retoriche che esprimono meglio questa unità sono la metafora e la sinestesia; inoltre, la rima, a cui Baudelaire resta fedele, conferisce alla poesia una musicalità singolare.

 È così che, non riuscendo a rispettare il ritmo dell’alessandrino e la rima, ho cercato di trasmettere quella musicalità attraverso una ricerca lessicale che dia l’idea di una progressione armoniosa, concedendomi sì delle libertà, ma rimanendo coerente rispetto al significato complessivo del sonetto. Traducendo “Laissent […] sortir” con “sussurrano”, ho voluto conferire alle parole della Natura un significato che riflette più che altro una nostra fantasia proiettiva. La “clarté”, divenuta “limpidezza”, mostra proprio quel gioco di corrispondenze, quell’unità nascosta che dalla luminosità passa all’acqua e ritorna alla luce. Attraverso i “transports” dell’anima e dei sensi, divenuti “impeti”, ho voluto  sottolineare che quel mondo di legami, di corrispondenze non vive solo di armonia, ma è anche rivelazione intensa, travolgente, scontro con una verità data ma continuamente strappata.


Informazioni su Cristina Guerra

Nasco fieramente marchigiana a Sassocorvaro (PU), in pieno Montefeltro, l'11 dicembre 1991. Il mio percorso di studi si distingue fin dal liceo (linguistico, bien sûr) per una passione nei confronti delle lingue e delle letterature straniere. Conseguo la laurea triennale in Lingue e traduzione interculturale presso l'Università di Roma Tre, per poi prendere la via di Pisa e della Traduzione letteraria e saggistica, corso in cui mi laureo nel novembre 2015. Attualmente frequento un master in mediazione linguistica e proseguo la mia storia d'amore con le lingue e le letterature francese e inglese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *